Storia

E' l'immediato dopoguerra, periodo di grande crisi economica e rinascita del paese; Osvaldo Ugolinelli decide di iniziare la sua attività imprenditoriale come costruttore e rivenditore di biciclette. Parallelamente fonda una società sportiva la “ S.C Ugolinelli” che tesserò tra le proprie file tantissimi corridori di tutta l'Umbria e ottenne risultati molto importanti. Rappresentò veramente un'epoca come operatore commerciale, sponsor e grande appassionato di ciclismo.

Nella società di via Mazzini arrivarono tanti corridori a partire dagli anni '50 e per la società giallo-verde le prime vittorie in Umbria e fuori regione. La prima grande soddisfazione giunse da Grottarossa alle porte di Roma nell'estate del 1954 con Giancarlo Ceppi, allora diciottenne, fù l'inizio di una carriera ciclistica travolgente. Giancarlo Ceppi, grande sportivo, pronto a sacrificarsi per i compagni anche quando poteva lottare per vincere. Ottima carriera anche per Giacinto Cardinali, un altro corridore che diede tantissimo lustro alla società S.C. Ugolinelli, insieme ad Andrea Prisco, Remo Mariani e Remo Desideri.

Noè Conti, nativo di Montefalco, già nei primi anni 50 fu uno dei più forti corridori umbri. Per le sue tante vittorie anche in campo nazionale fù selezionato ed incluso tra gli azzurri. Gregario di Fausto Coppi con grande generosità ed altruismo lo stesso Coppi disse di Noè che per le sue qualità meritava ben più che il ruolo di gregario. Alla fine degli anni 70 Osvaldo Ugolinelli per i sempre più pressanti impegni in campo imprenditoriale cessò la sua attività di sponsor, non prima di aver conquistato un titolo umbro con Pietro Calderini nel 1976.

Ugolinelli Osvaldo nel tempo simboleggiò, insieme agli altri imprenditori, la voglia di vivere e rinascere dell'intero paese dopo gli orrori della guerra. Uomo determinato, anche un po' rude, ma di grande simpatia, sempre attento all'evoluzione dei tempi e delle mode adeguando continuamente la sua attività. Tuttora questa attività continua nella storica sede di via Mazzini attraverso i figli, che con gli insegnamenti del passato, affrontano le sfide del futuro con passione e determinazione.